top of page

Generazionindialogo.PACE

“Pace” è una delle parole più pronunciate e nello stesso tempo più equivocate e strumentalizzate. Miseria, fame, guerre, traffici di armi, terrorismo, cambiamento climatico, devastazioni ambientali, persecuzioni, disoccupazione, sfruttamento, violenza, razzismo e xenofobia, sono tutti effetti di quella ingiustizia che determina l’assenza della pace. La pace è dunque molto di più del tempo che intercorre tra una guerra ed un’altra. Pace è lavoro, cibo, acqua, salute, istruzione, dignità, uguaglianza, giustizia, rispetto, fraternità, nonviolenza, libertà, dialogo, democrazia, legalità, solidarietà, inclusione, accoglienza, responsabilità, diritti umani, memoria. Questa pace va costruita (non solo invocata) attraverso un impegno costante che va tradotto anzitutto in percorsi di formazione che possano promuovere consapevolezza e responsabilità. “Chi vede quanto sia insostenibile e iniqua la società che abbiamo costruito sinora non può che guardare all’educazione come alla via cruciale per il cambiamento. Un’educazione finalizzata a generare pace e giustizia” (Roberto Mancini).

La tre-giorni promossa dalla Cittadella va proprio in questa direzione in continuità con la Marcia della Pace Perugia-Assisi che ogni due anni vede camminare insieme migliaia di giovani e meno giovani con l’intento di promuovere scelte di Pace ad ogni livello ed in ogni ambito.

L’arrivo dei partecipanti è previsto per il 13 pomeriggio, mentre la partenza la domenica 15 dopo pranzo. All’interno della tre-giorni, favoriti dal suggestivo contesto che ci offre la città di Assisi, si vivranno momenti di formazione alternati a momenti di ri-creazione. È prevista anche una marcia notturna, segno di quel cammino che ci deve vedere uniti nella complessa costruzione della Pace. 

 

Per informazioni rivolgersi a 

Vittorio Avveduto: victoravveduto@gmail.com 

https://www.facebook.com/vittorio.avveduto

bottom of page