top of page
9° Convegno tematico di formazione continua

parola di donna

cittadinanza attiva e diritti umani: un discorso al femminile

Relatrici e relatori

Note biografiche

Veronica Cavallucci ha conseguito la laurea magistrale in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Perugia ed è attualmente praticante avvocato. Dal 2016 è assessore del Comune di Assisi con deleghe a Politiche giovanili, Pari opportunità, Sport e associazionismo sportivo, Associazioni, Rapporti con il volontariato, Promozione ed occupazione giovanile e femminile. La sua esperienza politica è il frutto di un impegno costante nel mondo dell’associazionismo e del volontariato. Attiva da sempre nell’ambito parrocchiale, come educatrice e organizzatrice di campus per bambini, è componente del consiglio direttivo della Proloco del suo paese, alla quale si è avvicinata con l’idea ed il desiderio di rendersi utile per il posto in cui vive. Ha fatto parte di un’associazione culturale che ha organizzato importanti eventi e festival. Da due anni fa parte dello “Sportello dei diritti”, attivo presso il carcere di Capanne, finalizzato a fornire consulenze gratuite ai detenuti nel campo giuridico. L’attenzione per le persone e per il territorio in cui vive, insieme all’esperienza maturata, è stata determinante nel mettersi in gioco anche in ambito politico. È nata così la decisione di candidarsi alle elezioni amministrative, che l’hanno portata a ricoprire il ruolo di Assessore nel Comune di Assisi.

 

Rosella De Leonibus, psicologa-psicoterapeuta della Gestalt, didatta-supervisore in Psicoterapia della Gestalt presso l’IPGE, formata nell’applicazione dell’EMDR, oltre al lavoro clinico si occupa di formazione e supervisione di équipe e collabora con istituzioni pubbliche e private per progetti di prevenzione, di sensibilizzazione ed educazione sociale, nell’ambito delle relazioni interpersonali, dell’adolescenza, della genitorialità e della coppia. Insieme ad altri colleghi e colleghe ha fondato l’associazione CIFORMAPER - Gestalt Ecology®, di cui è responsabile per la sede umbra. Cura la collana “Alfabeti per le emozioni” nell’ambito delle Psicoguide di Cittadella Editrice, per cui ha pubblicato P come paura (2009) e C come coraggio (2010). Per Roccalibri, Cittadella Editrice, ha pubblicato Psicologia del quotidiano (2005), Cose da grandi: nodi e snodi dall’adolescenza all’età adulta (2006) e Pianeta Coppia, così vicini così lontani (2011). Dal 2014 cura con Giovanni Salonia la collana “Diàpathos”. Dal 1990 collabora alla rivista “Rocca” con rubriche periodiche. Suoi contributi in ambito psicologico sono presenti anche in altre numerose pubblicazioni e riviste. È appena stato pubblicato, nelle Psicoguide di Cittadella editrice, il suo ultimo libro Prendersi cura.

Tonio Dell’Olio, sacerdote e presidente della Pro Civitate Christiana, èattivo con Libera - associazioni nomi e numeri contro le mafie e fondatore del settore internazionale. In questo ambito ha promosso iniziative, ricerche e progetti sul crimine organizzato, i traffici illeciti (armi, droga, persone...) e i diritti umani anche presso le Nazioni Unite (UNODC). Dal 1993 al 2005 è stato coordinatore nazionale del movimento internazionale Pax Christi, promuovendo campagne, attività e iniziative sui temi della pace, della giustizia socio-economica e del disarmo. È redattore di “Mosaico di Pace”, rivista mensile fondata da don Tonino Bello, di cui ha raccolto il grande insegnamento, e cura la rubrica feriale “Mosaico dei giorni”. Per “Rocca”, quindicinale della Pro Civitate Christiana, cura la rubrica “Camineiro”.

Alessia Fabbri, laureata in Scienze dell’Educazione presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Perugia, ha seguito presso Cittadella Formazione il percorso formativo triennale come consulente dei processi comunicativi e relazionali, ambito nel quale opera sia con singoli che con gruppi. Collabora con la Cooperativa Borgorete dal 2013. Tra i vari progetti svolti ha lavorato come ricercatrice sul tema della conciliazione dei tempi di vita e dei tempi lavoro e sul tema della condivisione della cura nella famiglia. “Accanto a te” è il frutto dell’ultima collaborazione con la cooperativa, uno spettacolo teatrale sulla violenza di genere e sulla violenza assistita.

Flavia Famàe nata nel 1982 a Catania. Laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Roma Tre, ha conseguito un Master all’Università La Sapienza sulla tutela internazionale dei diritti umani, con una tesi sulle violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario in Colombia e si è abilitata come avvocato a Roma nel 2014. Ha sempre coltivato il suo interesse nei confronti dei temi dell’antimafia sociale, approfondendoli anche attraverso la frequenza di corsi specifici, tra cui il Corso di perfezionamento “Scenari Internazionali della criminalità organizzata” presso l’Università degli Studi di Milano. Ha lavorato presso la Camera dei Deputati, la Regione Siciliana e attualmente è Funzionario Direttivo nell’Ufficio di Segreteria della Conferenza Permanente per i Rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano della Presidenza del Consiglio dei Ministri. All’interno di Libera – associazioni, nomi e numeri contro le mafie fa parte del settore memoria, per il quale partecipa a incontri informativi e divulgativi con studenti sui temi dell’antimafia, ed è anche componente del Laboratorio del settore internazionale di Libera. Ha realizzato, avvalendosi del supporto tecnico del giornalista Simone Mercurio, un breve documentario dal titolo “Tra due fuochi” sulla storia del padre, l’avvocato Serafino Famà, ucciso a Catania il 9 novembre del 1995 per non aver acconsentito alle richieste di un capo mafia.

Fiorella Farinelli èun’esperta di educazione e politiche scolastiche, ma si occupa da sempre anche di lavoro, di femminismo, di giovani. Ha operato a lungo nel mondo sindacale, nell’amministrazione pubblica, nella ricerca sociale. Da anni insegna italiano agli stranieri in una scuola del volontariato di Roma, fa parte dell’Osservatorio nazionale del MIUR sull’integrazione scolastica degli studenti stranieri e sull’educazione interculturale, scrive di immigrazione e di altri temi su riviste specialistiche.

Giovanni Grossi, volontario della Pro Civitate Christiana, laureato in sociologia, accanto all’attività professionale ha collaborato con il movimento “Emmaus” dell’Abbè Pierre per la realizzazione di ospedali e strutture sanitarie nei paesi in via di sviluppo e ha fondato scuole popolari. È stato segretario della Lega per i Diritti e la Liberazione dei Popoli per la denuncia delle dittature militari e la creazione di un diritto internazionale. Alla Pro Civitate è responsabile della biblioteca e direttore di Cittadella Formazione e dei corsi da questa promossi. Ha cooperato alla realizzazione di diversi Convegni e curato con Tiziana Luciani il libro Se perdo te... quando il lavoro manca (Atti ampliati del Convegno di Arte Terapia del 1-3/marzo 2013).

Silvana Liberati, professionista dello spettacolo, si forma come attrice teatrale approfondendo tecniche vocali e dizione e specializzandosi nella recitazione, interpretazione di testi, poesie e lettura di fiabe. È anche sceneggiatrice e regista di alcune opere teatrali messe in scena in modo sperimentale in diversi ambiti con gruppi giovanili e si occupa della formazione di insegnanti, operatori sociali e genitori in percorsi educativi. Opera attualmente a Perugia come lettrice in un progetto sperimentale sull’Alzehimer, in collaborazione con il reparto di Geriatria dell’Ospedale di Santa Maria della Misericordia di Perugia e con il CESVOL.

Roberta Pompili è dottore di ricerca in scienze etno-antropologiche all’Università di Siena ed è docente a contratto di Antropologia Culturale presso l’Università degli Studi di Perugia. Si è occupata di studi legati alle migrazioni, alla salute e al genere. In particolare nell’ambito del genere ha effettuato ricerche sul tema della prostituzione migrante, della violenza di genere e della comunicazione. È stata tutor e docente al corso universitario “Corso di genere e delle pari opportunità” realizzato dal Dipartimento Uomo & Territorio con i finanziamenti del Ministero delle Pari Opportunità.

Lilia Sebastiani è nata nel 1955 a Terni, dove vive e lavora. Dopo la laurea in Lettere moderne all’Università di Roma “La Sapienza”, ha compiuto gli studi teologici, conseguendo nel 1986 il dottorato in Teologia morale all’Accademia Alfonsiana, Istituto superiore di Teologia morale dell’Università Lateranense. Svolge attività di articolista e conferenziera in materia teologica, con attenzione particolare ai problemi di etica-spiritualità biblica e a quelli concernenti il rapporto tra femminilità e sfera religiosa. Ha pubblicato Morale personale (Piemme 1991); Tra/Sfigurazione - Il personaggio evangelico di Maria di Magdala e il mito della peccatrice pentita nella tradizione occidentale (Queriniana 1992); Donne dei Vangeli (Paoline 1994); Maria ed Elisabetta: icona della solidarietà (Paoline 1996); Il terzo cielo: l’ultimo anno di Iacopone da Todi, romanzo teologico (Paoline 2000); Nella notte mi istruisci. Il sogno nelle Scritture sacre (Pazzini Editore 2007); Svolte: il ruolo delle donne negli snodi del cammino di Gesù (Cittadella Editrice 2008); Il frutto dello Spirito (Gal 5,22-23) (Cittadella Editrice 2010), oltre a contributi in opere collettive, atti di convegni e dossier e collaborazioni con diverse riviste.

Silvana Sonno vive a Perugia, dove ha insegnato per molti anni nella scuola superiore. Formata come consulente dei processi comunicativi e relazionali interpersonali secondo la metodologia gestaltica, si occupa di formazione per conto dell’associazione onlus “Rete delle donne AntiViolenza”, nata per prevenire e contrastare la violenza di genere, di cui è socia fondatrice. Ha partecipato a numerosi dibattiti pubblici e convegni sulla condizione femminile e la violenza di genere, organizzati in Umbria e in altre regioni italiane. Ha scritto opere di narrativa, poesia e saggistica. Tra i suoi libri più recenti ricordiamo F come felicità e N come nostalgia, all’interno della collana Alfabeti per le emozioni (Cittadella Editrice). Nel 2012 per la casa editrice Era Nuova di Perugia ha pubblicato Le madri della patria. Donne e Risorgimento e nel 2013 Le parole per dirsi. L'altra metà della lingua, la silloge poetica Donna verrà. Tratti e il romanzo Menopausa blues. Per Galassia Arte edizioni, ancora nel 2013, è uscita la silloge In forma di haiku. Nel 2014, di nuovo con Era Nuova, ha pubblicato la raccolta di racconti La signorina Greta e altre storie e la silloge poetica Landai. Più recente la ristampa di Andar per fiabe. Nel novembre 2015 sono usciti per Era Nuova il romanzo breve La chitarrina di Picasso e la silloge poetica Anamorfé. Nel maggio 2017 è stato pubblicato il saggio Tre donne nella rivoluzione dedicato a Marina Cvetaeva, Anna Achmàtova, Aleksandra Kollontaj. La sua ricerca nel campo della scrittura è volta a indagare percorsi femminili restituiti anche attraverso scelte linguistiche inclusive di una prospettiva di genere.

bottom of page