MIGRANTI, TRATTA, INCLUSIONE E DIALOGO INTERCULTURALE 

Primo week-end di formazione
ai diritti umani e alla cittadinanza attiva

Immigrazione2.png

Cittadella di Assisi

Via Ancajani, 3 - Assisi (PG)

8-11 novembre 2018

   La Pro Civitate Christiana, fin dagli inizi, ha pensato e voluto la Cittadella di Assisi come crocevia di esperienze, laboratorio di diversità in senso culturale e spirituale, fucina di valori fondati sul dialogo, l’arte, la bellezza, l’incontro.

   Un luogo privilegiato per accogliere le tante diverse istanze della società contemporanea e rideclinarle verso la dignità delle persone, affinché possano essere costruite occasioni di senso nell’ambito umano, sotto la guida di una spiritualità cristiana profondamente incarnata e profondamente connessa con le tante articolazioni della realtà odierna.

 

DIRITTI UMANI IN PRIMO PIANO                                                                                                                                 

   In questo tormentato tempo storico è urgente, indifferibile, prendersi cura dell’Umano, come persona e come soggetto strategico del contesto sociale, per portare alla ribalta il valore e la forza dei Diritti Umani che contraddistinguono la vita civile.

   Non solo i Diritti Umani fondamentali, sanciti dalla Convenzione di Ginevra, sui quali occorre un nuovo sforzo di attenzione e di tutela, affinché non restino confinati sulle Carte, ma diventino esercizio effettivo della propria piena umanità. Occorre allargare il territorio ai “nuovi“ Diritti Umani: quelli relativi all’ascolto, all’empatia, al riconoscimento della Persona.

 

DESTINATARI                                                                                                                                                                      

    Donne e uomini adulti, connessi con i temi del corso a livello personale e professionale, come volontari, operatori sociali, educatori, insegnanti, responsabili ed operatori di istituzioni religiose, sindacalisti, esponenti di organizzazioni non governative, di movimenti e partiti politici, di organizzazioni che operano nella diffusione di stili di vita salutari e nella promozione sociale delle minoranze etniche, linguistiche, sociali, esponenti e operatori di organizzazioni che si occupano di fasce deboli e di lavoro sulle marginalità sociali. Sono ammessi anche gli studenti e le studentesse universitari di aree giuridiche, storico-filosofiche, educative, psicologiche e sociali che abbiano frequentato almeno i primi due anni dei rispettivi corsi di laurea. 

OBIETTIVI                                                                                                                                                                             

   Costruire competenze, in materia di Diritti Umani e Cittadinanza attiva, sulle aree del:

   Sapere, come conoscenze di base inerenti i Diritti Umani e la Cittadinanza Attiva.

 Saper essere, come sensibilizzazione e potenziamento della consapevolezza personale, della competenza empatica e della capacità di proporsi proattivamente, riconoscendo i contesti, suscitando e sostenendo la motivazione delle singole persone e dei gruppi.

  Saper fare, come abilità ad attivare ricerche, dibattiti, confronti, monitoraggi, progettare e gestire situazioni educative, gestire conflitti e mediare istanze, proporre e condurre azioni e campagne di sensibilizzazione.

  Dalle tre componenti precedenti prende forma il saper far fare come capacità di trasmettere agli altri le conoscenze e le competenze acquisite lungo il percorso formativo.

 

METODI E STRUMENTI                                                                                                                                                     

   La metodologia didattica sarà improntata alla massima interattività e partecipazione attiva dei corsisti.

  Le lezioni prevedono la presentazione di analisi di fondo, dati e situazioni concrete, la discussione di casi e storie di esperienze realizzate, l’elaborazione di proposte sulle situazioni e i contenuti oggetto della didattica, per quanto riguarda la componente del sapere. Alla lezione frontale, svolta secondo metodi partecipativi, si affianca la discussione in piccoli gruppi, la ricerca attiva da parte dei corsisti, il case work e la partecipazione a discussioni di gruppo.

   La componente del saper essere viene sviluppata mediante formule di affinamento della sensibilità personale e di elaborazione del vissuto ed è svolta secondo le metodologie e gli strumenti dell’approccio della Gestalt Therapy, dello psicodramma gestaltico e della comunicazione nonviolenta.

  Il saper fare viene esercitato attraverso laboratori, esercitazioni in aula, role playing, simulate e drammatizzazioni.

 

FORMULAZIONE DEL PERCORSO, ISCRIZIONI E COSTI                                                                                      

  • Il percorso sarà scandito da una serie di week end formativi ognuno dei quali prevederà un impegno di 24 ore e presenterà spazi specifici dedicati alla formazione del sapere, del saper essere e del saper fare.

  • A conclusione di ogni singolo week end i partecipanti conseguiranno l’attestato di partecipazione.

  • Il costo del corso è di € 200,00 euro per ogni week end

  • Per l’iscrizione scaricare questo modulo, compilarlo ed inviarlo, corredato dal curriculum, a: victoravveduto@gmail.com              SCARICA MODULO ISCRIZIONE

  • Per la prenotazione del soggiorno rivolgersi a Cittadella Ospitalità

PROGRAMMA

8 novembre - giovedì
15.30 - 19.30  Il sentiero dei diritti umani. Se l’etica è migrante

Giuseppe MOSCATI - Filosofo

 

9 novembre - venerdì
09.00 - 13.00 Comunicazione, intercultura: contrastare il razzismo e promuovere l’integrazione - 1a

parte 

Elisabetta MELANDRI - CIES 

15.30 – 19.30 Comunicazione, intercultura: contrastare il razzismo e promuovere l’integrazione - 2a

parte 

Elisabetta MELANDRI - CIES

10 novembre - sabato
09.00 – 13.00 Il medico davanti ai sopravvissuti alla tortura: esperienza della clinica VOT di Medici

Senza Frontiere - Roma

Rita CARRAVETTA - M›—edici Senza Frontiere›

15.30 – 19.30 Immigrazione: emergenza versus resilienza

Gianfilippo PASCOLINI - Alessandro DIBENEDETTO - Emergency

 

11 novembre - domenica
09.00 – 13.00 Tecniche di comunicazione e gestione dei conflitti (laboratorio)

Rosella De Leonibus - Psicoterapeuta