• blogmaster

Perdonare (Mariasara e Antonio)

Diceva Carl Gustav Jung che perdonare non equivale a dimenticare, perché in fondo resta l’amarezza del torto subito. Ma il perdono = superdono ci viene da Dio. Col perdono Gesù Cristo ci mette di fronte l’avvenire, le nostre possibilità, ci fa uscire dalla colpa, dal peccato. “Adesso va….ti offro avvenire…" Il perdono, più che saldare un conto col passato, ne apre uno col futuro. Soltanto colui che ha gustato fino in fondo la gioia di essere perdonato, scopre la gioia del perdonare. Non è possibile fare l’esperienza della misericordia divina senza "imparare" il gusto del perdono. Chi perdona è un rivoluzionario  E’ uno che non si rassegna allo stato delle cose e introduce nel vecchio gioco delle ripicche l’elemento novità che manda tutto all’aria: il perdono. Tu mi hai fatto male ed io ti rispondo amandoti. Il perdono è creatore. Chi è capace di perdonare inventa situazioni nuove, prende delle iniziative, anche quando la ferita sanguina. Chi perdona è un costruttore di un mondo nuovo, di una vita nuova. La gioia del cuore, i teneri abbracci ed anche le calde lacrime vengono dopo il perdono. Un caro abbraccio virtuale Mariasara e Antonio


67 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Torneranno le sere (da Gianna Galiano)

(di Alfonso Gatto) Torneranno le sere a intepidire nell'azzurro le piazze, ai bianchi muri la luna in alto s'alzerà dal mare e nella piena dei giardini il vento fitto di case, d'alberi , di stelle pas

Quale cibo nutre il legame? (Gianna Galiano)

Quale cibo nutre il legame? Credo... la trasparenza del volto la scintilla della verità che accende la luce degli occhi il sorriso che preannuncia un abbraccio forte il silenzio che parla di inesprimi

Le ferite e gli abbracci (Mauro e Primetta)

Assisi: un punto fermo in tanti anni di matrimonio…..la fatica delle salite e il profumo della campagna…..l’abbraccio delle sue pietre e la solidità delle chiese, dei chiostri….; la bellezza, l’armoni