• blogmaster

Ma come faranno gli innamorati dopo il virus? (Rosella De Leonibus)

Sto cercando di immaginare la scena. Due innamorati. Non si sono visti per tutta la quarantena. Abitano in due città diverse e il lockdown li ha bloccati a 200 km di distanza.  Quando il blocco sarà finito, potranno  incontrarsi di nuovo. Uno/a dei due andrà dall'altra/o o si troveranno a metà  strada.  A un dato momento, carichi di emozione,  si incontrano. La sensazione di volersi gettare l'uno/a delle braccia dell'altra/o è  fortissima,  un contatto a  lungo sognato in questo tempo sospeso. Ma qualcosa come una forza respingente rallenta lo slancio, una volta arrivati al fatidico metro di distanza.  Da qui in poi l'abbraccio prosegue in slow motion,  ma tutto frammentato e scoordinato.   Il dialogo tonico dei corpi,  che pure si desiderano tanto,  fatica a stabilirsi.  Ci si avvicina e ci si allontana, si guarda l'altra/o con un filo di sospetto, si scruta con un filo d' ansia questa distanza che si accorcia. Nell'avvicinarsi si sbaglia lato, si sbaglia ritmo, ci si scontra coi nasi o con le spalle, e le facce sono tese, l'espressione dei visi è  combattuta. I corpi non si fanno subito  concavi e aperti per accogliere l'altro corpo, per avvicinare la pancia, il tronco, la testa,  le guance...   Le labbra poi!  Trascorrono secondi preziosi prima che la danza scomposta di  vicinanza e distanza si armonizzi,  e non è  detto che quando si incontrano ci sia sincronia, uno avanza, l'altra arretra e viceversa,  e la labbra non sono subito  morbide e pronte ad aprirsi al  bacio...  Tutta la fatica fatta per imparare il distanziamento sociale ha ormai prodotto un automatismo, c'è  quella sensazione di pericolo nell'essere a contatto, e il messaggio che passa dai corpi è "ho paura, come posso aver  di nuovo fiducia in te?" Perché  questa è  la posta in gioco, eredità  delle misure di prevenzione del contagio. Che fai così  vicino?   Come farò a sentirmi al sicuro con te?  Adesso è  tutto fuori fase, il desiderio di vederti, toccarti, è  bruciante. Ma arriva, in automatico, la sensazione che il tuo respiro sul mio, che tanto ho desiderato ritrovare, mi possa far male. 'Amore, guardami, sono io, non sono 'gli altri'!"  La scena si chiude così: (Incontrarsi scena 1-bis.) - Campo lungo.  - I due si allontanano di nuovo.  - Stavolta si invertono le velocità.  - I primi passi di avvicinamento sono lenti e cauti.  - Mano a mano, in modo cauto, prendono velocità  e finalmente ecco lo slancio, la corsa, il volare l'uno/a  nelle braccia  dell'altra/o. Le guance si appoggiano un po' come a sentire. Le facce, senza staccare il contatto, ruotano quel poco che permette alle labbra di incontrarsi - Sentirsi,  assaggiarsi un poco,  - E poi smarrirsi e ritrovarsi e smarrirsi e ritrovarsi ancora, dentro gli abissi caldi di quel  bacio.


Rosella De Leonibus

39 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Torneranno le sere (da Gianna Galiano)

(di Alfonso Gatto) Torneranno le sere a intepidire nell'azzurro le piazze, ai bianchi muri la luna in alto s'alzerà dal mare e nella piena dei giardini il vento fitto di case, d'alberi , di stelle pas

Quale cibo nutre il legame? (Gianna Galiano)

Quale cibo nutre il legame? Credo... la trasparenza del volto la scintilla della verità che accende la luce degli occhi il sorriso che preannuncia un abbraccio forte il silenzio che parla di inesprimi

Le ferite e gli abbracci (Mauro e Primetta)

Assisi: un punto fermo in tanti anni di matrimonio…..la fatica delle salite e il profumo della campagna…..l’abbraccio delle sue pietre e la solidità delle chiese, dei chiostri….; la bellezza, l’armoni