• blogmaster

L'abbraccio (Nicola)

Sono le 2 del mattino… ho appena finito di scrivere un noiosissimo report per ottenere una nuova certificazione che magari metterà il turbo alla mia carriera… chissà… Stavo per spegnere il pc e vedo che c’è li la mail del mio amico Pigi, accuratamente lasciata in evidenza, che reclama attenzione. Bene, non posso esimermi da inviarvi il mio contributo, soprattutto in questo momento e soprattutto se questo può essere un abbraccio “virtuale” a Pigi e Clori.

Sorrido tra me e me perché solo un anno fa, il 25 aprile, di ritorno dall’ennesimo viaggio di lavoro vi scrissi di getto il mio pensiero sull’amore fecondo, lo feci di pancia quasi a voler dare un cazzotto al mondo che circonda la mia generazione . Quest’anno, invece del cazzotto, provo ad inviarvi un abbraccio poiché in fondo si puoi abbracciare anche senza braccia e questi giorni di distanziamento sociale dovrebbero avercelo insegnato.. Come si fa???, tra le mille filastrocche, canzoni e poesie girate sui nostri smartphone in questi giorni mi sono imbattuto in una poesia/preghiera di don Raimondo Di Rienzo, Assistente Spirituale del Servizio diocesano di Pastorale della Salute, Cappellano a Villa Stabia e Parroco nelle parrocchie di S. Nicola dei Miri e di S. Bartolomeo Apostolo a Gragnano:

….Nun ce se po’ tuccà, non ci si abbraccia… Ma ‘o bene nun se fa solo cu ‘e braccia! Spalanca ‘o còre e abbraccia senza braccia! Comme se fa?… Guarda a Mio Figlio n’Croce: cu ‘e Mane trapassate, t’accarezza; cu ‘e braccia crucifisse, abbraccia ognuno; E appiso ‘a chella Croce, parla, ma senza voce!

O bene nun se fa solo cu ‘e braccia! Spalanca ‘o còre… e abbraccia senza braccia

Spero che alla fine di quest’emergenza sanitaria tutti abbiano capito il senso dell’abbraccio… Ma l’abbraccio che senso ha? Chi sono io per definire un abbraccio… è davvero complesso… perché ha mille sfaccettature che mi porterebbero fuori dal tema del seminario di quest’anno… posso però dirvi che per me l’abbraccio con Tatiana è sempre qualcosa di magico, in tutte le sue sfaccettature… perché mi ha sempre portato PACE… Forse è questo che rende l’abbraccio così potente, la capacità di generare le più diverse sensazioni che restano tue e solo tue, nel più profondo del tuo cuore! È tardi e ho provato ad esprimere in poche righe la magia di un gesto universale vi saluto citando come sempre Brunori che ascolto in sottofondo e che riesce sempre a cogliere aspetti della mia vita…. “ Torno a letto… spengo la TV… lei si poggia sul mio petto… e cos’è che vuoi di più???! La conosci bene questa sensazione? È una specie di ottimismo senza una ragione….”

Nicola

30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Torneranno le sere (da Gianna Galiano)

(di Alfonso Gatto) Torneranno le sere a intepidire nell'azzurro le piazze, ai bianchi muri la luna in alto s'alzerà dal mare e nella piena dei giardini il vento fitto di case, d'alberi , di stelle pas

Quale cibo nutre il legame? (Gianna Galiano)

Quale cibo nutre il legame? Credo... la trasparenza del volto la scintilla della verità che accende la luce degli occhi il sorriso che preannuncia un abbraccio forte il silenzio che parla di inesprimi

Le ferite e gli abbracci (Mauro e Primetta)

Assisi: un punto fermo in tanti anni di matrimonio…..la fatica delle salite e il profumo della campagna…..l’abbraccio delle sue pietre e la solidità delle chiese, dei chiostri….; la bellezza, l’armoni